Sindrome paxillica

Specie responsabili: Paxillus involutus e, verosimilmente, Paxillus rubicundulus (= Paxillus filamentosus).

Latenza: da 1 a 9 ore e più, talvolta soltanto a seguito di ingestioni successive ravvicinate.

Principali sintomi: (Iª ingestione, quando presenti), manifestazione gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea, dolori inte-stinali), (IIª ingestione e successive), crisi emolitica, sensibilizzazione anticorpale solo emopoietica, responsabile di una forma anafilattica e enterica, ittero, emoglobinuria, oliguria, grave anemia, collasso shock e possibile morte.