Russula maculata

 

Cappello: 5-10(12) cm di diametro, duro, carnoso, prima convesso, poi piano con depressione centrale.

Cuticola separabile solo al bordo, rugosa nella zona mediana per il resto liscia, brillante, viscida con l'umidità, di colore rosso-arancio, ocra-carminio, rosso vermiglio più chiaro al centro, tipicamente maculata con macchie bruno-ruggine.

Margine ricurvo, irregolare, leggermente scanalato.

Lamelle: Fitte, carnose, poco larghe, non fragili, intercalate da poche lamellule di varia lunghezza, da crema a gialle con macchie di ruggine a maturità, sinuate, arrotondate, biforcate, anastomosate, di colore che varia da crema a giallastro con macchie color ruggine negli esemplari maturi.

Gambo: 9 x 3 cm, cilindrico, svasato all'apice, clavato con base arrotondata, sodo, duro, rugoso, pieno poi farcito, bianco con sfumature rosate, imbrunente al tatto, a volte con evidenti macchioline color ruggine soprattutto negli esemplari adulti.

Carne: Soda, bianca, arancione sotto la cuticola, si macchia di bruno soprattutto alla base del gambo, odore fruttato, a volte ricorda quello della grafite, sapore più o meno acre o amaro, soprattutto nelle lamelle.

Spore: da subglobose a globose, amiloidi, crestate, con verruche conico ottuse, subreticolate, ocra scuro in massa.

Habitat: Cresce sotto latifoglie, in particolare Carpinus e Quercus, in estate-autunno.

Commestibilità: Non commestibile, provoca sindrome gastroenterica incostante.