Lyophyllum conglobatum

 

Si tratta di un fungo dalle caratteristiche macroscopiche facilmente riconoscibili, sia per la colorazione del cappello(grigiastro-bruniccio), sia per la consistenza della carne, soda, di colore biancastro ed emanante un leggero odore di farina.

Cappello: Largo al massimo 10 cm, liscio, lucente, consistente e cartilagineo; inizialmente convesso, poi piano, infine piano-depresso; colore bianco-sporco oppure ocraceo-cenere; margine spesso un po' involuto.

Lamelle: Annesse oppure smarginate, fitte, separabili; color grigio chiaro.

Gambo: Pieno, cilindrico, più grosso alla base.

Carne: Biancastra, consistente.

Odore: subnullo.

Sapore: amarognolo.

Spore: Bianche in massa.

Habitat: Tarda estate-autunno, tra l'erba, ai margini dei boschi, quasi sempre cespitoso. Spesse volte è stato rinvenuto in luoghi dove si erano da poco verificati incendi di sterpaglie.

 

Commestibilità: Eccellente, di grande resa, data la consistenza della sua carne.