Boletus pseudoregius

 

Cappello: di 15,0 talora fino a 20,0 centimetri di diametro, da emisferico a convesso, raramente appianato; margine regolare o anche ondulato nel vecchio, un po’ eccedente. Superficie finemente feltrata, asciutta, di colore fin dall'inizio rosso-sangue, rosso-rosa, rosa, rosa-brunastro-ocraceo, tendente a decolorare con l’invecchiamento.

Tuboli: lunghi fino a 15 mm, arrotondati al gambo; da giallo oro a verde oliva, viranti al blu alla sezione; pori piccoli rotondi, poi un poco angolosi; da giallo oro a verde oliva, talora con chiazze rugginose, viranti al blu se premuti.

Gambo: relativamente slanciato, cilindrico, fino a 3,0 talora 4,0 centimetri di diametro, con base attenuato-radicante. Superficie di colore giallo cromo pallido, spesso con una zona rossa più o meno estesa nella parte inferiore; virante al blu se traumatizzata. Reticolo solitamente limitato alla metà o ai due terzi superiori, a maglie fini, nette ma poco rilevate, dello stesso colore del gambo.

Carne: molto soda nel cappello anche nel carpoforo adulto, mentre nel gambo tende a diventare fibrosa; giallo pallido, tipicamente rosata nella parte inferiore del gambo, virante in modo abbastanza intenso intorno alla zona dell’inserzione gambo-cappello; odore debole, appena fruttato; sapore dolce.

Habitat: Isolato o a gruppi poco numerosi sotto latifoglie, in prevalenza Quercus e Castanea sativa in terreno neutro o moderatamente acido; dall'estate al primo autunno.

Commestibilità: ottimo commestibile.