Armillaria tabescens  – Famigliola buona

 

Cappello: carnoso, dapprincipio campanulato-convesso poi piano e depresso, con umbone ben accentuato, ricoperto, soprattutto al centro, da squame scagliose più scure; colore rosso-fulvo, bruno-ferrugineo o bruno-giallo miele; margine sottile o involuto, leggermente festonato e lobato.

Lamelle: assai fitte, arcuate, annesso-decorrenti, non molto larghe; di colore pallido poi incarnato-rossastre.

Gambo: 5-8 x 0,5-1 cm, pieno o un po' farcito, qualche volta cavo, allungato, incurvato-flessuoso, generalmente assottigliato in alto e anche in basso, fibrilloso, liscio; concolore al cappello, ma generalmente più carico alla base che può essere anche nerastra.

Carne: bianca, rossastra alla base del gambo, soda. Dolce. Odore gradevole. 

Spore: ellittico-ovoidali, lisce, ialine

Habitat: nei boschi di latifoglia, nei giardini, in gruppi cespitosi, molto compatti, a gambi quasi fascicolati; sempre su terreno; raro ma fedele al luogo di crescita. Estate-autunno.

Commestibilità: ottimo commestibile.