Albatrellus ovinus -  Fungo del pane

Sin. Albatrellus confluens

Cappello: Diametro 6÷15 cm, quasi circolare, convesso o spianato, a volte depresso al centro, margini a lobi ondulati, sottili e spesso macchiati di giallo. Superficie glabra, sovente si presenta screpolato al centro del cappello con una fessurazione a tasselli quadri; colore da bianco a crema ma a volte con macchie brune, giallo-limone o verdastre in età avanzata.

Imenoforo: Tubuli corti, con pori rotondi o angolosi in numero 2÷4 per mm, decorrenti sul gambo, da bianchi a crema nel fungo fresco, tendenti al giallastro al tocco.

Gambo: centrale o eccentrico, bianco brunastro, tomentoso e rugoso, generalmente corto, fino a 8 cm, normalmente libero anche su esemplari concresciuti; diametro 1÷4 cm, leggermente clavato alla base ma attenuato al piede.

Carne: bianca, poi giallastra, soda e di facile frattura. Odore e sapore gradevole, di mandorla.

Habitat: Terricolo, in boschi di conifere in montagna, simbionte dell'abete rosso, spesso numeroso negli ambienti di crescita. Estate-autunno.

Commestibilità: Commestibile, ma più adatto alla conservazione sott'olio o sott'aceto.